MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Celebrato a Tolentino il 20° Anniversario della strage di Nassiriya

Presenti esponenti dell'amministrazione comunale e delle forze dell'ordine, nonché gli studenti delle scuole cittadine

1.156 Letture
commenti
Commemorazione dei caduti di Nassiriya a Tolentino

È stato celebrato anche a Tolentino il 20° Anniversario della strage di Nassiriya e Giornata del Ricordo dei Caduti Militari e Civili nelle Missioni Internazionali per la Pace.

La cerimonia, come tutti gli anni, si è tenuta davanti al Monumento Caduti di Nassiriya, opera dello sculture Lino Gentili (spazio antistante la Caserma dei Carabinieri) dove è stata deposta, dopo l’Alzabandiera, l’esecuzione dell’Inno nazionale e Silenzio d’ordinanza a cura dell’Associazione musicale “N. Gabrielli”, una corona di alloro “in memoria”.

Densi di significati e di momenti di riflessione gli interventi a cura di Mauro Sclavi Sindaco di Tolentino, Alessandro Massi Gentiloni Silverj Presidente del Consiglio comunale, del Presidente del Consiglio comunale dei Ragazzi, del Luogotenente Gaetano Barracane Comandante della Stazione dei Carabinieri di Tolentino.

Momento particolarmente rilevante ed emozionante è stato quello quando ha preso la parola il Maresciallo Maggiore Fabio Paradisi Comandante della Stazione dei Carabinieri di Penna San Giovanni che era presente nella caserma “Libeccio” adiacente alla caserma “Maestrale” dove si è consumato l’atto terroristico dove hanno perso la vita 28 italiani, 12 Carabinieri, 5 militari dell’Esercito e 2 civili.

A concludere l’evento il Maggiore Giulia Maggi Comandante Compagnia Carabinieri Tolentino che ha anche letto i nomi di tutti i caduti nella strage di Nassiriya e ha auspicato che si mantenga sempre viva la memoria.

Alla cerimonia hanno partecipato una rappresentanza degli studenti dell’Istituto “Lucatelli”, dell’I.I.S. “F. Filelfo” e dell’IPSIA “R. Frau”, oltre ai rappresentanti dell’Amministrazione comunale, delle associazioni combattentistiche e d’arma e tanti cittadini.

Le celebrazioni hanno permesso di porre l’attenzione sulla fondamentale importanza delle missioni internazionali di pace che vedono le Forze Armate italiane e non solo, presenti ancora oggi su diversi scenari di guerra e soprattutto per trattare tematiche inerenti la cittadinanza attiva, con particolari riferimenti alla difesa dei principi fondamentali della democrazia, della libertà e della pace, nonché al rispetto della persona umana.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!