MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Delitto di Pamela Mastropietro, per il Riesame la giovane non fu violentata da Oseghale

Il nigeriano, tuttavia, continuerà a rimanere in carcere poiché ancora accusato dell'omicidio della 18enne romana

1.322 Letture
commenti
Tribunale

Nella mattinata di mercoledì 6 giugno il Tribunale del riesame di Ancona, interpellato da parte della Procura della Repubblica di Macerata nell’ambito delle indagini riguardanti l’uccisione di Pamela Mastropietro, non ha ritenuto Innocent Oseghale responsabile del possibile stupro compiuto ai danni della 18enne.

L’accusa nei confronti del cittadino nigeriano, primo a essere arrestato nonché principale sospettato in relazione all’assassinio della giovane, era stata mossa all’inizio del mese di maggio, venendo in quel caso respinta dal Gip del Tribunale di Macerata, Giovanni Manzoni.

Stando alle motivazioni presentate dai giudici, attualmente gli inquirenti hanno in mano informazioni troppo frammentate su ciò che è accaduto sabato 30 gennaio nell’appartamento degli orrori di via Spalato: Oseghale, pertanto, rimarrà recluso nel carcere di Marino del Tronto solamente in quanto accusato di omicidio.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!