MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

La situazione delle strade nel maceratese dopo gli eventi sismici del 26-30 ottobre

A parlarne è Antonio Pettinari, presidente della provincia di Macerata

1.377 Letture
commenti
Conferenza Pettinari

Il terremoto del 26-30 ottobre ha fortemente colpito le Marche. Molti i danni riscontrati ai quali si cerca di provvedere il prima possibile. Altrettanti sono i danni causati alle strade, principalmente quelle di montagna nelle zone di Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera, Valnerina. L’obiettivo fondamentale è aprire di nuovo le strade per permetterne la mobilità. A spiegarlo è il presidente della provincia di Macerata Antonio Pettinari, durante la conferenza presso la sede della Provincia di Macerata. Egli si è dimostrato fortemente preoccupato per il suo territorio poiché i danni sono moltissimi e soprattutto molto ingenti. 

Un’ampia area quella colpita dal sisma, la quale necessita di aiuti difficili da consegnare a causa della mobilità interrotta. Una situazione grave quella vissuta lungo la statale provinciale che collega Fiastra e Bolognola, lungo la quale è caduto un masso norme, che è stato distrutto e poi sono stati tolti i detriti e vi è anche la presenza di due punti di sgancio e altri punti di abbassamento. Per questi interventi, iniziati a partire dall’8 dicembre, sono stati previsti 94mila euro complessivi affidati a 3 ditte diverse per provvedere più velocemente alla riapertura della provinciale.Antonio Pettinari

Situazione difficile anche per la Sarnano-Sassotetto che è ancora chiusa. A causa di 8 abitazioni pericolanti collocate a Piobbico la strada non è percorribile. Il sindaco di Sarnano, Franco Ceregioli, ha garantito l’inizio dei lavori per la demolizione delle case. Sono stati inoltre stanziati 40mila euro sia per la messa in sicurezza delle pareti rocciose e del versante. Secondo il procedimento dei lavori, entro Natale dovrebbe essere riaperta.

Molti danni anche quelli subiti lungo la strada che collega Monte San Martino e Amandola che è chiusa a causa dei problemi sulla parete rocciosa. L’intento è quello di rafforzare le reti che sostengono le pareti rocciose. Sono stati stanziati 240mila euro e i lavori sono iniziati mercoledì 14 dicembre con il coordinamento della Protezione Civile.

Ciò che conta è poter riaprire le strade mettendole in sicurezza e prevedendo eventuali danni futuri. Fondamentali per il turismo e l’economia, ma soprattutto per gli abitanti delle zone colpite. Per le scuole è già stato stanziato circa  1milione di euro, mentre sono circa 700mila gli euro per le strade.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!