MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Isole Eolie, perla del Mediterraneo

Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Alicudi, Filicudi, Panarea: sette paradisi balneari patrimonio dell'Unesco

Isole Eolie

L’Arcipelago delle Eolie si compone di sette isole ubicate al largo della costa settentrionale della Sicilia, a circa 20 chilometri dalla provincia di Messina, nel cuore del Mediterraneo. Si tratta di uno dei paradisi balneari più suggestivi sul territorio italiano, non a caso patrimonio dell’Unesco di indicibile valore.

Sebbene agenzie come YallaYalla tendano a focalizzare la propria offerta sulle singole isole dell’arcipelago, anche i meno avventurieri non troveranno difficile costruire il proprio itinerario alla scoperta dell’intero arcipelago. L’offerta delle isole è molto variegata, e chi sta pianificando delle vacanze last minute potrà trovare utile questa breve panoramica sulle peculiarità che le contraddistinguono.

Lipari, l’isola più grande, rappresenta il punto di partenza ideale. Raggiungendo la sua parte più alta, il Monte Chirica, si può godere di un meraviglioso panorama a 360 gradi sull’intero arcipelago e le principali attrattive dell’isola. Le più importanti sono custodite nei centri abitati di Lipari Centro, Quattropani, Acquacalda, Piano Conte, Porticello e Canneto, in cui si trovano luoghi come il Castello di Lipari e il suo Museo Archeologico Regionale Eoliano Bernabò Brea, l’Acropoli Greca e la Cattedrale Normanna.

Salina, la seconda isola per estensione, deve la sua popolarità alla presenza della Fossa delle Felci, uno spettacolare bosco di felci che, scendendo a strapiombo verso il mare, trasforma le spiagge in luoghi dal fascino unico.

Vulcano è amata soprattutto per gli spettacoli dei getti di vapore delle sue fumarole e le proprietà terapeutiche dei pregiati fanghi sulfurei utilizzati nei centri benessere dell’isola.

Stromboli rappresenta invece l’isolotto più attivo sul fronte eruttivo, amato dai turisti di tutto il mondo, desiderosi di tentare la fortuna con la Sciara del Fuoco, la colata lavica che ricama le coste eoliche sino a gettarsi scenograficamente nel mare.

Alicudi e Filicudi, gli isolotti più a ovest, si distinguono per i crateri di vulcani spenti che ne ricamano la superficie, insieme alle affascinanti attrattive naturali del Faraglione La Canna, dello Scoglio della Fortuna e della Grotta del Bue. Conosciute come le isole più silenziose, Alicudi e Filicudi rappresentano il luogo perfetto per chi vuole godersi lo spettacolo della natura in totale pace e relax.

Panarea, l’isola più piccola e antica, è infine famosa per la bellezza delle sue coste incontaminate, in cui è ancora possibile ammirare suggestivi fenomeni eruttivi subacquei. Nonostante le ridotte dimensioni, si tratta dell’area dell’arcipelago più attiva sul fronte della movida notturna, distribuita su una serie di locali, terrazze sul mare e barche a vela, che ogni anno attirano visitatori da ogni angolo del mondo.

Articolo Pubbliredazionale
Pubblicato Sabato 20 febbraio, 2016 
alle ore 8:00
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!