MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Detenzione e spendita di denaro falso: un giovane in manette a Civitanova Marche

Arrestato, in flagranza di reato, un insospettabile giovane originario di Fermo che stava per spedire 70.000 euro contraffatti

3.167 Letture
commenti
Denaro falso sequestrato dalla GDF di Macerata

La Guardia di Finanza di Macerata, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Macerata ed in particolare del Procuratore Giovanni Giorgio e del Sostituto Stefania Ciccioli, ha concretizzato in pochi giorni un’indagine in materia di commercio di monete false con l’arresto di un responsabile e la denuncia di una sua complice.

L’indagine è stata svolta con la massima rapidità e dopo aver individuato un primo pacchetto contenente euro falsi è subito stata orientata ad individuare i responsabili della spedizione.

Dopo una serie di appostamenti e pedinamenti è stata individuata un’autovettura Fiat 500 con targa spagnola che veniva utilizzata da due giovani, poco più che trentenni, entrambi domiciliati a Porto Sant’Elpidio.

Nella giornata di giovedì 2 luglio il giovane, originario di Fermo ha lasciato il suo domicilio di Porto Sant’Elpidio, salendo rapidamente sulla Fiat 500 e dando il via al pedinamento da parte degli uomini della Guardia di Finanza, conclusosi presso uno spedizioniere di Civitanova Marche. Il soggetto a tal punto ha aperto il bagagliaio per prelevare una busta di colore nero di quelle per l’immondizia, contenente alcuni pacchetti. Il giovane dopo alcuni minuti è uscito dagli uffici dello spedizioniere con la busta vuota.

A tal punto i finanzieri sono intervenuti, identificando il fermano e accertando che aveva consegnato allo spedizioniere diversi pacchi con destinatari in tutta Europa: Austria, Germania, Repubblica Ceca, Francia, Irlanda, Olanda e Gran Bretagna.

Tutti i pacchi contenevano euro falsi. Complessivamente, in tutta l’operazione, sono stati sequestrati 70.220 euro falsi in banconote da 20 e 50 euro.

Il giovane colto in flagranza è stato arrestato, la complice, una giovane originaria di Roma e domiciliata a Porto Sant’Elpidio è stata denunciata. L’indagine prosegue per individuare la provenienza e gli effettivi destinatari delle banconote.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!