MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Maceratese, vittoria di platino sull’Amiternina

Al "Comunale" di Scoppito decisiva una rete di Lorenzo De Grazia

2.952 Letture
commenti
Lorenzo De Grazia

La Maceratese non conosce pause. Espugna anche il Comunale di Scoppito, mettendo a segno il quarto successo di fila, mantiene inalterato il distacco dal Fano (8 punti) al termine di una giornata, la 6^ di ritorno, sulla carta favorevole ai granata che hanno disposto facilmente dell’Olympia Agnonese, lo rimpingua sia sulla Samb, fermata a Termoli sul 2-2, ora a -13, scavalcata anche dal Campobasso (-12 dalla testa), sia sui “cugini” della Civitanovese ormai distaccati di 15 punti e non perde di vista l’obiettivo finale della vittoria senza bruciare eccessive energie.

1° tempo agevole
A Scoppito il match si incanala subito sui binari preferiti dalla formazione di Beppe Magi che passa in vantaggio con Lorenzo De Grazia, all’8′, con un tiro dal limite che inganna il portiere Di Fabio. Poi l’undici di Magi amministra, con Perfetti che a centrocampo sostituisce lo squalificato capitan Romano e Villanova che rileva ancora Ferri-Marini, ai box per problemi fisici. Nell’ultimo quarto d’ora di gioco la leader spinge ancora sul pedale dell’acceleratore, con la ferma intenzione di chiudere a doppia mandata il confronto. Al 28′ è Marco Villanova che cerca la conclusione da fuori ed a 6′ dalla fine ci prova anche il bomber Alessandro D’Antoni il quale rimane dubbioso su un gol annullatogli per fallo sul portiere aquilano. Entrambi, però, non riescono a centrare il raddoppio. In un paio di ripartenze in contropiede la Maceratese non riesce a sfruttare la superiorità numerica di partenza, cosicché il tempo si chiude con un calcio da fermo dello specialista Marco Croce deviato da Di Fabio in corner.
2° tempo
L’Amiternina è contenuta per 10′, dopodiché c’è l’episodio che potrebbe cambiare le carte in tavola. Lorenzo Perfetti viene colpito dal secondo strale arbitrale di giornata. Il doppio giallo rimediato dal centrocampista biancorosso permette agli abruzzesi di giocare oltre 35′ in superiorità numerica, ma la Rata non cede. Magi comincia opportunamente a coprirsi. Dapprima inserisce Alessio Petti che blinda la cintura difensiva, poi Belkaid a fare maggiore filtro nel pacchetto mediano. I padroni di casa faticano ad imbastire la manovra e si affidano ai lanci lunghi, puntuali preda, però, di Garaffoni e compagni. In pratica non succede più nulla e la Maceratese può esultare anche vicino al massiccio del Gran Sasso. Un’altra partita in meno (ne restano 11 alla fine) con lo stesso vantaggio sulle sempre più diradate inseguitrici. È festa grande – e meritatissima! – fra i biancorossi applauditi dai 100 coraggiosi che ancora una volta hanno voluto far sentire il proprio incitamento alla squadra.

Il diesse Maurizio Gagliardini è soddisfatto
Risponde subito al cellulare il diesse Maurizio Gagliardini che commenta a distanza il prezioso successo (il 16° della serie degli Invincibili, unici dalla serie A alla D finora imbattuti quest’anno!) dei biancorossi.
Maurizio, vittoria facile? “Nel primo tempo siamo passati subito in vantaggio per merito di De Grazia che ha colpito dal limite anche con un pizzico di complicità del portiere locale, non irresistibile in quel frangente. Poi, però, non siamo stati capaci di chiudere il confronto, l’unico neo odierno. In un paio di situazioni ci siamo trovati in contropiede in superiorità numerica ma non abbiamo concretizzato, cosicché ci siamo dovuti accontentare dell’1-0. Nella ripresa, dopo l’espulsione per doppia ammonizione di Perfetti, abbiamo dovuto coprirci di più e ci siamo affidati al gioco di rimessa, ma in effetti non abbiamo mai rischiato, pur con l’uomo in meno. L’Amiternina ha agito principalmente con palloni lunghi, spostando in avanti anche un difensore, ma Saitta non ha dovuto fare miracoli. Insomma, una buona gestione del pallone e rischi limitati davvero al minimo. Debbo riconoscere che gli aquilani ci hanno fatto soffrire di più all’andata, quando siamo riusciti a sfondare il loro bunker solo nel finale, con Romano. Abbiamo, se devo ricorrere ad una scala di valori comparativa, dovuto stringere i denti sicuramente in maniera maggiore al Bonolis di Teramo contro il San Nicolò, nostra prossima avversaria”.
Le altre? “Il Fano non molla mai, penso che sia rimasta la nostra più acerrima rivale. Samb e Civitanovese non stanno dando l’impressione di poter tenere il nostro ritmo, tanto che ora terzo è il Campobasso. Ma il torneo è ancora lungo per poter emettere verdetti. Gustiamoci questa vittoria e pensiamo all’anticipo di sabato“.
Che si svolgerà all’Helvia Recina alle 14 e sarà trasmesso in diretta televisiva su Raisport 1.

 

AMITERNINA-MACERATESE 0-1
AMITERNINA: Di Fabio, Lenart, Shipple, Di Ciccio, Santilli, Carrato, Scordella (17′ st Terriaca), Petrone, Torbidone, Gizzi, Di Paolo.
All. Angelone.
MACERATESE: Saitta, Cordova, D’Alessio, Croce, Garaffoni, Marini, De Grazia, Perfetti, D’Antoni (17′ st Belkaid), Villanova (13′ st Petti), Kouko.
All. Magi.
ARBITRO: Cipriani di Empoli.
RETE: 8′ De Grazia.
NOTE: Spettatori 250 (100 provenienti da Macerata). Espulso per doppia ammonizione Perfetti al 10′ st, ammoniti Santilli, Perfetti, Di Paolo.

 

da S.S. Maceratese

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!