MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Modena murata al tie break: Lube terza, in Coppa Italia c’è Latina

I campioni d'Italia chiudono il 2014 vincendo 3-2 il big match al Fontescondella

2.690 Letture
commenti
Alberto Giuliani

E’ la Cucine Lube Banca Marche a trionfare nel big match dell’ultima di andata della SuperLega UnipolSai.

I campioni d’Italia fanno scendere Modena dal trono della classifica vincendo il primo dei tre tie break finora disputati in campionato (25-19, 21-25, 23-25, 25-15, 15-10), e con una super prestazione a muro (16 vincenti, 7 per i gialloblu) riscattano le sconfitte delle ultime due giornate piazzandosi così al terzo posto in graduatoria e di conseguenza nei quarti di finale di Coppa Italia (in programma martedì 6 gennaio al Palasport Fontescodella) se la dovrà vedere con Latina. Gli emiliani, invece, superati in vetta da Trento al rush finale, da secondi classificati giocheranno contro Ravenna.

La partita
Il parziale d’apertura è letteralmente dominato dai campioni d’Italia, che propongono la coppia Parodi-Kurek in posto 4 (sulla sponda ospite ci sono Ngapeth e Petric), partono balbettando al servizio ma sfoderano un cambio palla preciso come un orologio svizzero: 65% di squadra contro il 48% dei modenesi. E soprattutto riescono a guadagnarsi col lavoro nel muro-difesa le rigiocate utili a scavare buon gap sin dall’avvio. Lube avanti 13-8 dopo il mani out di Parodi che sfrutta al massimo la difesa di Kurek, +4 che lo stesso martello piemontese (chiuderà il set con 5 punti, 100% in attacco, 1 ace e 80% in ricezione) conferma con l’ace del 22-18, arrivato dopo che l’ingresso di Casadei proprio sulla linea dei nove metri aveva portato Modena a -2 (16-18). Due errori degli emiliani, prima Ngapeth in attacco, poi il servizio di Boninfante, fissano il definitivo 25-19.
Il secondo set è decisamente più equilibrato, e vede Modena condurre con un break di vantaggio forte di un servizio più incisivo rispetto al set precedente, e di un attacco diventato molto più fluido (54% contro 50%) coinvolgendo anche il centro: 4 punti per Verhees, che ha il 100% sui primi tempi. Sul 15-17 il tecnico di casa Giuliani toglie Sabbi inserendo Kovar nel ruolo per lui inusuale di opposto: c’è la reazione dei marchigiani, che nonostante i tanti errori (10) risalgono dal -3 fino al 19-20 con un gran contrattacco di Parodi, ma poi si arrendono 21-25.
Torna Sabbi sulla sponda di casa nel terzo set, ma resterà in campo per poco: la Cucine Lube Banca Marche trova una buona partenza col servizio di Kurek (2 ace, 6-3), ma poi si imbambola sul turno al servizio di Ngapeth, che consente a Petric (5 punti, 60%) di contrattaccare a raffica firmando un parziale di 4-0 ed il conseguente sorpasso sull’11-10. E’ qui che Giuliani gioca nuovamente la carta Kovar, murato da Petric alla prima azione (12-15) e poi impreciso nell’attacco che finisce out consegnando il 19-16 ad una Modena a dir poco strepitosa in difesa. Il muro vincente di Vettori che scrive il 21-18 sembra chiudere virtualmente il set, che invece si riapre dopo un contrattacco vincente di Kurek ed il successivo errore di Ngapeth. Parità a quota 22, e testa a testa finale che dura comunque poco: lo decide il muro di Verhees su Podrascanin, che fissa il 25-23.
Il quarto parziale è invece un monologo della squadra di Alberto Giuliani, che vola subito sull’8-4, raggiunge il massimo vantaggio sul 20-11 e chiude in scioltezza con il primo tempo di Podrascanin sul 25-15 (Kurek 5 punti con l’80% in attacco, Parodi 4 col 75%), vanificando tutte le mosse tentate da Lorenzetti per raddrizzare la situazione: dentro Kovacevic per Ngapeth, e subito dopo la diagonale d’attacco Boninfante-Casedei.
Nel tie break sale in cattedra il muro dei campioni d’Italia, prima Podrascanin mura Vettori e Ngapeth per il 7-5, subito Kurek (16 punti, 52% in attacco, 3 ace e 1 muro) ferma nuovamente il francese per il +3, quindi il quarto blocco consecutivo dei marchigiani a firma Baranowicz (su Vettori), che scrive il 9-5. Lorenzetti inserisce Sala per Piano e Kovacevic per Ngapeth, ma Podrascanin (16 punti, MVP con 7 muri) blocca anche l’attacco del connazionale (10-5), chiudendo la pratica con largo anticipo rispetto al previsto. Chiude Kovar sul 15-10.

VIDEO CHECK
2° SET:
10-12 (muro Petric) Video Check richiesto da: Treia per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (10-13).
17-19 (servizio Kovar) Video Check richiesto da: Treia per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (17-20).
17-20 (servizio Ngapeth) Video Check richiesto da: Modena per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Treia (18-20).
21-23 (attacco Ngapeth) Video Check richiesto da: Modena per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Modena (21-24).

3° SET:
18-21 (attacco Kovar) Video Check richiesto da: Modena per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Treia (19-21).

5° SET
4-5 (servizio Bruno Rezende) Video Check richiesto da: Modena per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Treia (5-5).

Il tabellino
CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA: Henno (L), Parodi 15, Paparoni, Stankovic 9, Kovar 5, Sabbi 8, Monopoli, Bonacic n.e., Shumov n.e., Kurek 16, Baranowicz 4, Podrascanin 16. All. Giuliani.
MODENA VOLLEY: Bruno Rezende 3, Donadio n.e., Sala 1, Petric 14, Boninfante, Casadei 1, Rossini (L), Ngapeth 13, Piano 4, Verhees 13, Ishikawa n.e., Kovacevic 1, Vettori 14. All. Lorenzetti.
ARBITRI: Santi (PG) – Pasquali (AP).
PARZIALI: 25-19 (25′), 21-25 (31′), 23-25 (31′), 25-15 (25′), 15-10 (18′).
NOTE: Spettatori 2380, incasso 12100 Euro. Lube bs 24, ace 4, muri 16, errori 4, ricezione 52% (33% prf), attacco 53%. Modena bs 25, ace 2, muri 7, errori 7, ricezione 42% (25% prf), attacco 45%.

 

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI IN SALA STAMPA

FABIO GIULIANELLI (patron Lube): “Era importante ritrovarci come squadra: nelle ultime prestazioni sono arrivate delle sconfitte perché sono mancate la consapevolezza e la determinazione che sempre ci dovrebbero accompagnare poiché siamo campioni d’Italia, un merito che dobbiamo rivendicare e dobbiamo portare avanti in ogni partita come certezza dei propri mezzi. Si chiude un 2014 in cui abbiamo vinto il tricolore: conquistare due scudetti in tre anni significa veramente che siamo una squadra degna di essere protagonista del campionato italiano, uno dei più belli del mondo, significa che stiamo facendo un buon lavoro. L’auspicio per il 2015 è di ripeterci. Se ripartiamo dalla vittoria di oggi, una partita fondamentale in cui abbiamo trovato di nuovo carattere e determinazione, la squadra potrà togliersi ancora delle soddisfazioni importanti“.

ALBERTO GIULIANI: “Sono soddisfatto e contento per i ragazzi, che anche con una formazione sperimentata poco, a causa degli esigui allenamenti, sono riusciti a ottenere questa vittoria: un successo che, dopo qualche sconfitta, era molto importante per noi. In casa esprimiamo sempre una pallavolo di buon livello, ripeto che questa è una vittoria dei ragazzi che mentalmente sono riusciti a trascinare il fisico. Volevamo chiudere bene questo 2014 e ci siamo riusciti“.

BARTOSZ KUREK: “E’ arrivata una bella vittoria, in un momento difficile dopo aver perso due partite che non dovevamo farci sfuggire. Questo successo ci aiuta tanto a rialzare la testa e per concentrarci al massimo verso le prossime partite. L’importante era vincere: oggi contava questo, non guardo le mie statistiche o il sistema di gioco in campo. Stasera i nostri tifosi sono stati il nostro settimo giocatore in campo: grazie davvero a loro“.

MARKO PODRASCANIN: “Dopo il terzo set siamo stati molto bravi a reagire, restare uniti e dimostrare di essere una squadra dopo le critiche ricevute negli ultimi dieci giorni. Siamo arrivati a questa partita dopo un periodo difficile iniziato con la trasferta in Russia: se giochiamo così tutti insieme e con l’aiuto del nostro pubblico possiamo vincere contro tutti. Modena è una delle migliori squadre nel campionato italiano in questo momento. Il 2014 è stato una grande anno, abbiamo vinto lo scudetto e la Supercoppa Italiana e questa vittoria spero sia di buon auspicio per il 2015“.

HUBERT HENNO: “Una grande reazione, ci voleva una vittoria per forza: la partita di oggi era l’ideale per rialzare la testa. Dopo il terzo set abbiamo tirato fuori il carattere arrivando fino al successo finale, molto importante dal punto di vista psicologico e non solo per la classifica. E’ sempre un piacere giocare e vincere davanti a un pubblico numeroso che ci sostiene così. Si chiude un 2014 davvero buono, in cui abbiamo fatto una bellissima finale scudetto regalando gioia a tante persone, poi abbiamo vinto la Supercoppa per chiudere in bellezza“.

da A.S. Volley Lube

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!