MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Calcio, la Maceratese vola in testa alla classifica

Romano e Ferri-Marini piegano in casa l'Alma Fano: i biancorossi a punteggio pieno dopo due giornate

2.779 Letture
commenti
Alfredo Romano

Poker! Come un giocatore professionista al tavolo verde la Maceratese sente il momento buono e insiste, centrando la quarta vittoria consecutiva dall’inizio della stagione.

Due triple con il medesimo score in trasferta (2-0 a Recanati all’esordio di Coppa Italia e 2-0 a Celano alla prima in campionato) e altrettanti successi con il minimo scarto all’Helvia Recina nel giro di mezza settimana. Mercoledì 10 settembre 1-0 alla Jesina nei 32esimi di Coppa, domenica 14 settembre 2-1 al Fano nel più pesante impegno di campionato contro il team di Alessandrini che ha dovuto, come le altre tre avversarie precedenti, alzare suo malgrado bandiera bianca.

Gli schieramenti
Beppe Magi, da buon ex puntero di razza, disegna ancora una formazione a trazione anteriore. Davanti a Fatone cintura difensiva a 4 con i due ’95 Cordova e D’Alessio sulle fasce e gli esperti Capparuccia e Garaffoni al centro. In mezzo al campo Croce a dettare i ritmi con Romano e De Grazia angeli custodi ai lati. Davanti D’Antoni al centro e Ferri-Marini con Kouko sulle ali. Il Fano risponde con l’ex Ginestra in porta; Clemente, Torta, capitan Nodari ed il pimpante Lorusso nel pacchetto difensivo; Sebastianelli e Favo a protezione della linea difensiva; Sassaroli, l’altro ex di lusso Borrelli e Sivilla più avanti, con Gucci pedina più avanzata.

La prima frazione
La prima azione è granata. Dopo 2′ Sebastianelli tenta dalla distanza dopo il controllo di petto. Palla a lato. Al 7′ rispondono i padroni di casa con una percussione dalla destra di Kouko fermato da Nodari forse con un braccio. L’arbitro capitolino Minafra lascia proseguire, mentre i biancorossi e gli ultras posizionati in uno spicchio di tribuna per il noto protrarsi dei lavori di impermeabilizzazione della gradinata con conseguente chiusura per motivi di sicurezza della curva, protestano vibratamente. Al 9′ Romano servito da Croce spara alto di destro dai 25 metri una sorta di “V1” bellico che necessita del dovuto controllo di traiettoria.

Al 10′ ottima chiusura di Garaffoni, che si guadagna già la pagnotta, su Sivilla in area. Al 12′ primo tentativo di beffa dell’Alma. Lorusso beneficia di un rilancio corto d’istinto di Capparuccia e calcia dalla sinistra dell’area. Fatone si salva con l’ausilio della traversa. Poi è ancora Garaffoni a liberare. Al 16′ il missile V1 fuori controllo precedente diventa un moderno “terra-aria” telecomandato da Romano, che ha preso le misure, dall’effetto devastante. La sfera esplode all’incrocio dei pali, bruciando i ragni dal sette alla sinistra di Ginestra. Bolide imparabile ed 1-0.

Romano nobilita così la fascia di capitano ereditata dall’acciaccato Benfatto, infortunatosi in Coppa Italia, e si gode l’apoteosi Ultras. Al 18′ il vivace baby ospite Lorusso prova ad emulare Romano, ma il suo tentativo è solo un’imitazione. Al 22′ Ferri-Marini penetra in area dalla fascia mancina e schioda un sinistro da… boccaccia. Ginestra non gliela permette abbrancando in tuffo. Al 29′ Croce serve a destra Romano che lancia nello spazio la “Freccia Nera” Kouko il quale centra cercando Ferri-Marini, la cui deviazione non trova però il bersaglio.

Al 33′ Kouko ci riprova dalla destra, servendo all’indietro in area ancora Ferri-Marini che con il destro, però, alza grossolanamente la mira. Non sembra in grande giornata, ma l’ex Poggibonsi sta soltanto scaldando le polveri. Al 36′ punizione dalla tre quarti destra per fallo di D’Alessio su Sivilla battuta da Sassaroli che sfiora il palo più lontano. Al 37′ è Romano che si beve tutti lungo l’out di destra per servire radente ancora Ferri-Marini il quale stavolta inquadra il bersaglio, ma trova Ginestra pronto alla ribattuta. Dopo una punizione di Sivilla lo stesso numero 7 ospite al 43′ si produce in un’azione a percussione sulla destra dove salta la guardia di D’Alessio e crossa. Il piede di Garaffoni fa inalberare la palla che scavalca l’incolpevole Fatone. Per Nicolò Gucci, libero, è un gioco da ragazzi depositare in rete: 1-1.

Ripresa
Magi sposta al centro dell’attacco Ferri-Marini mentre D’Antoni si posiziona a sinistra. Al 4′ è proprio D’Antoni che, lanciato da D’Alessio, serve al centro dove Kouko non ci arriva, mentre Ferri-Marini controlla ma calcia con il destro fuori misura. L’offensiva della Rata diviene tambureggiante, mentre il Fano, con Borrelli rimasto negli spogliatoi per carenza di… benzina e Gucci non al meglio fisicamente, soffre a centrocampo.

Al 5′ azione clamorosa per i biancorossi per riportarsi in vantaggio. Cross dal fondo sinistra di De Grazia per Ferri-Marini che di testa coglie il palo, sul rimpallo Romano, a botta sicura, sceglie quella che avrebbe dovuto essere una soluzione di forza ma cicca di sinistro. Ma non finisce qua. Al 10′ Ferri-Marini controlla e gira di destro senza pensarci due volte, la palla è scortata con lo sguardo sul fondo da Ginestra. Dopo l’ingresso di Gambini il Fano si dispone con un accorto 4-4-2, ma i granata non sembrano poter arginare la verve della Magi-band. Che passa di nuovo e meritatamente in vantaggio. All’11’ ennesima percussione di D’Antoni sulla sinistra, palla indirizzata sul secondo palo dove arriva Ferri-Marini che, stavolta, calcia dal basso verso l’alto sotto la traversa e la boccaccia di esultanza la fa per davvero: 2-1.

Al 13′ Kouko tenta di chiudere i giochi sparando dalla distanza. Ginestra, in difficoltà, si tuffa goffamente e si salva in corner. Al 14′ angolo di Croce dalla sinistra con Ferri-Marini che sfiora la palla. La sfera assume una traiettoria alta e incontrollabile sia per Ginestra che per Capparuccia, a cui non riesce la deviazione vincente di testa sul secondo palo. Al 16′ Kouko, D’Antoni e Ferri-Marini bombardano a ripetizione, ma nessuno incredibilmente riesce a cacciarla dentro. Qualche tifoso tocca i metalli nobili, visto lo spreco nel settore offensivo.

Al 19′ il Fano prova ad allentare la pressione con una calcio piazzato dai 18 metri ma il cross in area di Sebastianelli termina direttamente sul fondo. Al 21′ Sassaroli si rende pericoloso dalla sinistra, ben imbeccato dall’appena entrato ed effervescente Sartori, ma Garaffoni presidia l’area piccola. Al 31′ entra il jolly Perfetti per D’Antoni, poi Croce, stanco, lascia il campo in favore di Belkaid. Alessandrini, sul fronte opposto, ha già esaurito le carte di riserva. Al 36′ una punizione dalla tre quarti sinistra di Lorusso vale il corner. Sebastianelli corregge di testa ma non trova lo specchio. Al 39′ Ferri-Marini galoppa sulla destra e schioda, ma alto.

Al 44′ azione insistita della Maceratese con sinistro fuori misura di Belkaid. Al 46′ brivido per la Rata. Su angolo dalla sinistra di Lorusso colpo di testa dell’avanzato Ginestra alla Michelangelo Rampulla. La palla termina di un soffio a lato. Finisce in gloria per i colori biancorossi. Gli Ultras festeggiano abbracciando virtualmente i propri eroi con il consueto coro finale rivolto ai “cugini” civitanovesi, prossimi avversari. Tanto per scaldare l’ugola. Domenica 21 settembre per la Maceratese sarà il secondo derby consecutivo del torneo. Anzi, il derbissimo! Intanto la truppa della presidente Maria Francesca Tardella si gode la testa del campionato. Nessuno si monta la testa, ma nessuno parimenti soffre di vertigini.

Tabellino

MACERATESE-FANO 2-1
16′ Romano, 43′ Gucci, 56′ Ferri-Marini

MACERATESE: Fatone, Cordova, D’Alessio, Croce (32′ Belkaid), Capparuccia, Garaffoni, De Grazia, Romano, D’Antoni (29′ st Perfetti), Ferri-Marini (47′ st Marini), Kouko. (A disp. Moscatelli, Cervigni, Petrone, Lari, Iori, Tortelli). All. Magi.

A.J. FANO: Ginestra, Clemente, Lorusso, Sebastianelli, Nodari, Torta, Sivilla, Favo (20′ st Sartori), Gucci, Borrelli (1′ st Gambini), Sassaroli (25′ st Cesaroni). (A disp. Marcantognini, Palazzi, Battisti, Marconi, Carsetti, Fatica). All. Alessandrini.

Arbitro: Minafra di Roma 1 (Santi e Berto).

Note: ammoniti Sivilla, Romano, Garaffoni, Gambini, Perfetti; spettatori 1.500 circa, di cui circa un centinaio ospiti; angoli 3-4; partita iniziata con 9′ di ritardo; rec. 2’+4′.

 

da S.S. Maceratese

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!