MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Iniziare a programmare senza una laurea? Si può

Il programmatore informatico: chi è e cosa fa. Come imparare a programmare partendo da zero? Perché scegliere programmazione

1.631 Letture
commenti
Programmazione informatica, computer

Chi ha una forte passione per l’informatica e la programmazione può essere attirato dall’idea di conoscere meglio questo settore e, magari, farlo diventare la propria carriera.

Non avere una laurea in informatica non deve essere un freno! Se si ha la determinazione e la motivazione di studiare ed esercitarsi con costanza, la programmazione informatica può essere la giusta strada anche per chi non ha esperienza pregressa.

Scopriamo chi è il programmatore informatico, cosa fa e come si può scegliere un corso per iniziare a programmare da zero.

Il programmatore informatico: chi è e cosa fa

Il programmatore informatico non si occupa semplicemente della scrittura del codice ma anche di tutto ciò che vi ruota attorno.

In primo luogo, deve saper comunicare con il cliente e ascoltare i suoi bisogni, in modo da poter sviluppare la soluzione migliore per soddisfarli.

Quando ha chiare le richieste, può iniziare a scrivere le linee di codice con i corretti linguaggi di programmazione, così che il computer possa capire ed eseguire l’istruzione ricevuta.

In seguito, dovrà controllare e ottimizzare il programma per renderlo più veloce ed efficiente, andando a correggere gli eventuali bug: il controllo del funzionamento è una fase da ripetere periodicamente per monitorare l’efficienza del software.

Come imparare a programmare se si parte da zero?

La figura del developer molto spesso nasce da percorsi di studio non standardizzati, che non prevedono necessariamente la laurea in informatica.

Chi parte da zero deve studiare innanzitutto i linguaggi di programmazione principali, ovvero i linguaggi con cui l’essere umano può dare istruzioni al computer. I linguaggi sono moltissimi, per adattarsi a ogni funzione e settore, e nessun programmatore può conoscerli tutti: bisogna imparare quelli che servono nel proprio ramo di applicazione.

Per imparare a programmare web e acquisire delle basi solide è consigliabile cominciare studiando linguaggi di markup come HTML e CSS, fra i più diffusi e semplici da capire, o anche linguaggi di programmazione ad esempio Javascript, PHP e SQL, necessari per creare siti internet.

Come impararli senza andare all’università? Su internet si può trovare una vasta offerta di risorse per permettere ai principianti di muovere i primi passi nel mondo della programmazione, scegliendo tra video corsi, blog, forum e workshop.

Una delle risorse più valide è il corso di programmazione Hackademy, proposto da Aulab, ovvero un bootcamp intensivo che in sole 400 ore insegna i principali linguaggi e strumenti della programmazione web. Il corso usa metodi di lavoro innovativi integrando il monitoraggio in tempo reale di tutor esperti e la collaborazione in gruppo, formando in soli tre mesi dei web developer pronti per il mondo del lavoro.

Perché scegliere la programmazione

I programmatori oggi hanno moltissime possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro, in aziende che operano in settori molto diversi fra loro, in startup in cerca di menti innovative che portino soluzioni creative ma anche come lavoratori freelance. Dovendo lavorare davanti a un computer, i programmatori possono lavorare potenzialmente ovunque e collaborare con clienti e colleghi in tutto il mondo.

Si possono occupare di realizzare e-commerce, siti web, videogiochi, applicazioni, software per le criptovalute per la realtà aumentata e realtà virtuale, gestione della sicurezza dei dati, user experience, data science e molti altri risvolti.

Fra tutti i rami della programmazione informatica, la programmazione web è quella che trova più successo oggi fra chi comincia a studiare queste materie e rappresenta una base ottimale per lo studio di altri settori.

In generale, avere una formazione ampia e sempre aggiornata sulle ultime novità della programmazione e sugli strumenti più recenti permette di cogliere molte più opportunità lavorative e avere una carriera ricca di soddisfazioni.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!