MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Presentato il nuovo sportello d’ascolto per gli studenti dell’Università di Macerata

Il rettore Adornato: "L’esperienza maturata in questi anni già ci aveva suggerito di rafforzare quanto stavamo offrendo"

Francesco Adornato e Pamela Lattanzi

L’Università di Macerata potenzia il servizio di consulenza psicologica introdotto nel 2018 trasformandolo in un sistema integrato dedicato al benessere emotivo e psicologico di studentesse e studenti.

“L’esperienza maturata in questi anni già ci aveva suggerito di rafforzare quanto stavamo offrendo. La pandemia ha reso ancora più urgente questa esigenza. Lo studio a distanza accentua solitudini e difficoltà che speriamo di poter superare sia con il ritorno in presenza sia prevedendo un supporto individualizzato che mette al centro la cura dello studente”, sottolinea il rettore Francesco Adornato.

Sono stati determinanti anche i contributi concreti apportati dai rappresentanti degli studenti del Comitato unico di garanzia. Il progetto è stato presentato nei giorni scorsi durante le iniziative per la Settimana dell’inclusione dalla presidente del Cug Natascia Mattucci e dalle delegate all’orientamento Pamela Lattanzi e all’inclusione Catia Giaconi insieme ai rappresentanti degli studenti Matteo Musto e Sara Grilli.

La prima interfaccia tra lo studente e il nuovo sistema di servizi, che permette di tracciare percorsi personalizzati, è lo sportello di ascolto. Fruibile telefonicamente o in via telematica in questo periodo, è uno spazio di ascolto di primo livello, accogliente e flessibile, a cui rivolgersi per rappresentare problematiche emotive o connesse al proprio percorso di studi e di vita.

L’operatore prende in carico lo studente e, dopo una prima valutazione, procede ad assegnarlo al servizio ritenuto più adatto: la consulenza orientativa fornisce un supporto nell’orientamento scolastico o professionale; il life coach, pensato per chi ha difficoltà nel portare a termine il percorso universitario o ad affrontare gli esami, aiuterà a conoscere le proprie risorse e a capire come raggiungere gli obiettivi prefissati; la consulenza psicologica serve per sostenere, motivare, abilitare o riabilitare lo studente all’interno della propria rete affettiva, al fine anche di esplorare difficoltà relative a processi evolutivi o involutivi, fasi di transizione e stati di crisi anche legati ai cicli di vita, rinforzando capacità di scelta, di risoluzione dei problemi o di cambiamento.

Per casi specifici, infine, lo sportello di ascolto è in grado di indicare i servizi territoriali socio-sanitari convenzionati con l’ateneo, quando sia necessario un intervento strutturato e protratto nel tempo.

I servizi saranno avviati gradualmente: dal 22 marzo, lo sportello di ascolto e la consulenza orientativa. A fine marzo partirà anche la consulenza psicologica e, successivamente, il life coach. Per maggiori informazioni, è possibile consultare il sito di ateneo www.unimc.it alla voce “Orientamento e servizi agli studenti”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!