MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Appignano, in carcere per lesioni e maltrattamenti alla moglie

Il giudice del tribunale di Macerata condanna un marocchino a un anno e mezzo di prigione

1.798 Letture
commenti
Il tribunale di Macerata

Botte e insulti alla moglie fino alla segregazione in casa. Questo è quanto appurato dal giudice del tribunale di Macerata che ha condannato al carcere un marocchino per lesioni, minacce e maltrattamenti avvenuti ad Appignano.

L’uomo, 59enne, si era reso responsabile di diversi episodi di violenza domestica, avvenuti anche a causa dell’abuso di alcolici. E questo fino a quando – nel 2013, dopo l’ultimo pestaggio con calci e pugni che l’aveva costretta a ricorrere alle cure del pronto soccorso – la donna ha trovato il coraggio di denunciare il marito. Ha raccontato anche di un’aggressione avvenuta con un coltello e di altre volte in cui, per non farla uscire di casa, le aveva sottratto i vestiti.

Il pubblico ministero Marco Severini aveva chiesto una condanna a tre anni, la difesa ha invece ridimensionato alcuni episodi: alla fine il giudice monocratico del tribunale maceratese Claudio Bonifazi ha condannato giovedì 9 giugno l’uomo a un anno e mezzo di carcere e al pagamento di 3mila euro alla moglie.
La difesa ha già annunciato il ricorso in appello.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!