MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il Cosmari prova a fare chiarezza sulla discarica di Cingoli

"Inadeguate le affermazioni di Giorgi: conferimenti sempre controllati e dati sempre forniti. Potrebbe informarsi se volesse"

3.078 Letture
commenti
La discarica di Cingoli

“Le osservazioni contenute nell’articolo pubblicato di recente sui quotidiani locali ed attribuite al consigliere comunale cingolano, Giorgio Giorgi, appare inadeguato e provocatorio.

Innanzi tutto non si comprende a quale raddoppio dell’equo indennizzo a favore del Comune di Cingoli lo stesso si riferisca ed in proposito necessita chiarire quanto segue: il Comune ha percepito per l’anno 2014 un equo indennizzo di € 276.000,00 circa, mentre per il 2015 si prevede che andrà ad incassare € 499.800,00 circa.

Con insistenza, nonostante le informative fornite all’Ente, si continua a speculare sulla provenienza dei rifiuti solo perché i mezzi che trasportano la FOS e i sovvalli dall’impianto COSMARI alla discarica provengono da una ditta di Faenza. Il consigliere dovrebbe ben sapere, e se non lo sa basterebbe che s’informasse come è suo diritto ma anche suo dovere, per scoprire che la ditta vincitrice dell’appalto dei suddetti trasporti è la Melandri Emanuele di Faenza. Ecco spiegato l’arcano della famosa ditta romagnola!

Inoltre il consigliere Giorgi dovrebbe essere a conoscenza del fatto che i conferimenti alla discarica sono oggetto di costante verifica da parte degli organi di controllo preposti. Non solo, gli accessi sono sempre controllati: nel corso della notte da vigilanza privata, di giorno da personale societario. Inoltre, tutti i documenti di trasporto sono a disposizione degli organi di controllo, che effettuano frequentemente le verifiche del caso. In più ogni mese COSMARI invia agli Enti competenti (Provincia, ARPAM, ASUR, Comune, ecc.) tutti i rendiconti e i monitoraggi richiesti, per cui ogni Ente è assolutamente a conoscenza dell’andamento della gestione (ingressi, uscite, controlli), anche il consigliere Giorgi potrebbe esserlo se solo volesse!

La discarica di CingoliRiguardo ai quantitativi abbancati qualche dato: nell’anno 2014, dal 28/06/2014 al 31/12/2014, sono state abbancate 33.891,58 ton di rifiuti; nell’anno 2015, dal 01/01/2015 al 30/06/2015 sono state abbancate 29.034,15 ton. In pratica, in un anno in discarica sono state conferite 62.925,73 ton di rifiuti, assolutamente in linea con le previsioni.
La durata della discarica è legata non solo al tempo, ma soprattutto alle quantità autorizzate ed abbancate, dunque al momento ogni previsione è confermata. Si rileva, inoltre, che non esiste alcun paventato ampliamento della discarica (anche questo appare un elemento di confusione volutamente tirato in ballo!) ma solo la realizzazione del 2° stralcio previsto ed autorizzato, che sarà realizzato entro la prossima estate.

Si ribadisce con forza che la gestione della discarica, controllata recentemente anche dalla Provincia di Macerata, è assolutamente rispettosa delle normative e conforme all’autorizzazione; anzi possiamo affermare che, sia come impatto visivo, che come minimizzazione degli effetti odorigeni diffusi nei dintorni, la discarica di Cingoli è portata ad esempio quale nuovo modello di eccellenza nella gestione di tali impianti.

Diffondere notizie non veritiere non depone a favore della serietà e dell’intelligenza di chi pratica tale metodo che semina solo sospetti del tutto ingiustificati. E’ in questo senso grave parlare di punti oscuri o di mancanza di chiarezza tanto più da chi dovrebbe, per lavoro ed esperienza, conoscere le normative ed ha la possibilità di accesso a tutta la documentazione”.

 

 

da Cosmari

Foto tratte da “L’AQUILONE idee in volo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!