MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Macerata, questione rifugiati: il Movimento 5 Stelle vuole vederci chiaro

"Ancora nessuno sa dire quanti siano i richiedenti asilo, quali associazioni se ne occupino, in che modo e con quali costi"

2.996 Letture
commenti
profughi, sbarchi di clandestini, immigrazione

In questi ultimi mesi è “scoppiata” (a livello italiano prima, europeo poi) la problematica dei flussi migratori. Nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha compiuto un primo passo verso una redistribuzione obbligatoria e permanente votando due provvedimenti che impegnano gli Stati europei ad accogliere i rifugiati in modo che i paesi più interessati, tra cui l’ Italia, vedranno alleggerita la pressione sui propri confini causata dall’ondata migratoria eccezionale.

In attesa di arrivare ad un’azione veramente condivisa, attualmente questa è la situazione a Macerata: stiamo assistendo al flusso di arrivi di migranti, che quasi mai si capisce se siano richiedenti asilo, richiedenti di protezione internazionale, semplici illegali…
Vengono identificati e poi “passati in carico” a diverse organizzazioni che se ne prendono cura (dietro compenso). Organizzazioni che dovrebbero garantire (oltre che vitto e alloggio, anche) adeguata assistenza per superare le barriere linguistiche, fare dei corsi di aggiornamento professionale e lavorativo, dargli le prime nozioni di diritto ed educazione civica… Organizzazioni che, sembra invece, forniscano solo ​”​gli aiuti primari”​ lasciando poi queste persone abbandonate a se stesse (tanto che recentemente è stato constatato che diversi migranti presi in carico dalle varie Onlus, da mesi e mesi in Provincia, ancora non sapevano nemmeno parlare decentemente l’italiano). Al momento, nonostante che quasi tutte le settimane vi sia “un’emergenza” con persone che bivaccano sulle panchine o dormono sotto i portici, non è dato sapere in Provincia quanti sono i migranti nelle varie strutture e chi se ne occupa.

Il nostro timore è che le associazioni caritatevoli così caritatevoli non siano e stiano invece sfruttando la situazione e la disperazione di queste persone per fare business. Più volte abbiamo letto sui giornali che queste associazioni hanno una struttura imponente, con decine e decine di dipendenti, addirittura si favoleggia di centinaia. Abbiamo timore che, una buona parte di quanto viene versato – al giorno – per migrante/rifugiato, finisca per “sostenere” la struttura (stipendi, rimborsi, Inps, carburanti, ristoranti, ecc.) e che per l’accoglienza vera e propria restino solo briciole.

La Prefettura, che vigila sull’operato di queste associazioni e che controlla i conti delle associazioni stesse, sarebbe in grado di dire quanti migranti ci sono in Provincia? Dove vengono alloggiati (si parla pure di case di 80/90 metri, con un bagno solo, per 7-8 persone)? Per ciascuna associazione (che deve presentare rendiconto) si potrebbero avere il dettaglio delle spese? Su tutta la questione migranti/rimborsi regna la più generale incertezza. Visto quanto accaduto con “Mafia Capitale” dovrebbe essere imperativo, per chi se ne occupa, di fornire notizie precise.
Il Comune di Macerata è soggetto in causa? Anticipa, per alcune associazioni, rimborsi che prenderanno in futuro?
L’Assessore ai Servizi Sociali è al corrente di quanto sta accadendo? Può fare una relazione al Consiglio Comunale comunicando dati e costi precisi? Sul territorio maceratese, ad oggi, quanti sono i migranti per i quali la Prefettura rimborsa le organizzazioni? l’Amministrazione Comunale ne sa nulla?

Ecco vorremmo sgomberare il campo da qualsiasi ipotesi di business, sulla pelle di questa povera gente: chi ha in mano la documentazione la metta a disposizione di tutta la cittadinanza, se non ha nulla da nascondere. Come richiesto con forza dal nostro capogruppo lo scorso 17 settembre durante le commissioni congiunte I e IV, nella quale era stato convocato solo il GUS, vogliamo il pieno e completo accesso ai conti affinché si possa, una volta per tutta, avere una chiara e precisa situazione per far finire le voci e le dicerie in cui si sostiene che, dietro la tragedia dei migranti, anche a Macerata qualcuno ci si stia arricchendo…

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!