MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Recanatese che carattere: fermato il Matelica

I giallorossi giocano meglio, ma al "Tubaldi" finisce 0-0. Le interviste post gara dei protagonisti

2.562 Letture
commenti
Cacciatore nella morsa Patrizi-Comotto

Finisce in parità l’attesa sfida tra Recanatese e Matelica, ma al termine dei novanta minuti se c’è una squadra che avrebbe meritato di più per quanto costruito, questa è senza dubbio la formazione di casa, che nel secondo tempo ha dilapidato almeno tre occasioni da rete.

Amaolo ha dovuto rinunciare per la quarta partita consecutiva al difensore centrale Narducci, mentre Comotto e Patrizi, benché non al cento per cento, sono stati schierati dal primo minuto al centro di una difesa che ai lati poteva contare su Brugiapaglia e sull’under Candidi. Nella zona mediana del campo l’ex Scartozzi e Di Iulio formavano la coppia centrale, con Mosconi e Gigli sugli esterni, in attacco la coppia formata da Galli e Marolda. Il Matelica rispondeva con Spitoni tra i pali (forse il migliore dei suoi oggi), l’esperta coppia difensiva formata da Gilardi ed Ercoli con gli under Cesselon e Corazzi schierati come laterali. A centrocampo l’ex Recanatese Vitone e Mandorino erano i centrali, gli under Zivkov e Mangiola giocavano esterni. In attacco Pazzi e Cacciatore avevano il compito di bucare la difesa recanatese. Prima frazione dai ritmi piuttosto bassi, con la Recanatese che approccia nel modo giusto la gara come dimostra il sinistro teso di Galli da fuori area dopo appena centoventi secondi dal fischio iniziale. Comotto, che oggi è sceso in campo con una mascherina protettiva a causa della frattura del setto nasale, al 9′ colpisce di testa su assist dell’ottimo Scartozzi, ma la palla sfila sul fondo. Del Matelica nessuna traccia o quasi, la formazione di Gianangeli gioca una gara piuttosto sorniona dando l’impressione di voler contenere la Recanatese piuttosto che proporsi in avanti.

Nella ripresa si assiste ad una gara più frizzante rispetto alla prima frazione, con il Matelica sicuramente meglio rispetto il primo tempo ma di vere e proprie occasioni per i biancorossi possiamo citare solo la pericolosa deviazione di Pazzi al 12′ su traversone teso di Cacciatore, Verdicchio è bravo e blocca a terra. Al 29′ Di Iulio avrebbe sulla testa la palla per passare in vantaggio; ottimo spunto di Brugiapaglia che calibra perfettamente in area per il centrocampista leopardiano che tutto solo alza troppo la traiettoria a pochi passi da Spitoni. Nel finale ci pensa Marolda a fa gridare al gol i supporters locali, la sua conclusione su assist in profondità di Gigli viene deviata da Spitoni che compie un vero e proprio miracolo salvando la sua squadra. Passano una manciata di secondi e Traini, subentrato nel frattempo ad uno stremato Galli, tutto solo in area si fa ipnotizzare da Spitoni che respinge la conclusione di potenza del centrocampista della Recanatese.

Prestazione importante da parte della Recanatese che tiene testa a quella che era la vice-capolista del girone (in virtù dei risultati odierni il Matelica è stato infatti scavalcato dalla Samb e dalla Civitanovese) mostrando compattezza e personalità per tutta la durata della gara, non rischiando praticamente mai al cospetto di una formazione molto attrezzata. Insomma è mancato solo il gol alla squadra di Amaolo, ma il comportamento visto oggi in campo al Tubaldi non può che lasciar ben sperare gli sportivi giallorossi. Domenica 16 novembre altro scontro di fuoco per la Recanatese, che affronterà in trasferta l’inarrestabile Civitanovese, squadra che oggi ha brindato a Fano alla quinta vittoria consecutiva.

Giocare su un campo come Recanati non era facile, avevamo di fronte un avversario molto importante che veniva da un momento di difficoltà ed oggi hanno fatto la partita della vita-afferma Franco Gianangeli, allenatore del MatelicaNoi abbiamo cercato di contenere e di ripartire, onestamente abbiamo fatto poco ma posso dire che abbiamo tenuto il campo in maniera egregia. Alla fine ho provato a vincere la partita mettendo più peso in avanti con il rischio di concedere qualcosa agli avversari. Credo che il punto sia giusto, portiamo avanti questo periodo positivo cercando di non guardare agli altri, continuando a lavorare con umiltà e spirito di sacrificio“.

Abbiamo interpretato bene la gara facendo un buon lavoro tattico, non ricordo grandi occasioni da parte del Matelica, poi nel finale abbiamo avuto anche le occasioni che potevano portarci alla vittoria. Sono soddisfatto della prestazione, oggi ho visto una squadra compatta ed equilibrata che ha tenuto il campo per tutto l’arco della gara-il pensiero dell’allenatore della Recanatese, Daniele AmaoloNel corso della gara ho pensato di dar forza al centrocampo inserendo Triani al posto di Galli che aveva speso tanto, dopo che i nostri avversari anno inserito forze fresche in attacco. Ripeto, sono contento della prestazione e da qui dobbiamo ripartire per le partite che ci aspettano“.


RECANATESE – MATELICA 0-0

Recanatese: Verdicchio, Candidi, Brugiapaglia, Scartozzi (41’st Garcia) Patrizi, Comotto, Mosconi, Di Iulio, Galli (28’st Traini), Gigli, Marolda Allenatore: Daniele Amaolo

Matelica: Spitoni, Cesselon, Corazzi, Vitone (22’st Ambrosini), Gilardi, Ercoli, Mangiola, Mandorino, Pazzi (41’stApi), Cacciatore, Zivkov (15’st Lanzi). Allenatore: Franco Gianangeli

Arbitro ed assistenti: Alessandro Meleleo (Casarano); Matteo Castrica (Foligno), Leonardo Biccheri (Gubbio)

Marcatori:

Ammonizioni: 37′ Cacciatore, 44′ Scartozzi, 30’st Lanzi

Espulsioni:

Corner: 8-3

Min.recup.:0’p.t.+3′ s.t.

 

Cronaca primo tempo:

2-Marolda appoggia a Galli che fa partire un tiro teso da fuori area, la palla si spegne di poco al lato

6′ Galli controlla al limite dell’area e fa partire un tiro di destro che si spegne tra le braccia di Spitoni

9′ Scartozzi su calcio piazzato mette in mezzo per Comotto che colpisce non bene di testa e la palla sfila al lato della porta difesa da Spitoni

16′ Schema su punizione, Galli a Scartozzi che da fondo campo mette in mezzo ma la difesa ospite si salva in corner

18′ Galli prova un traversone che si stava trasformando in un pricoloso tiro in porta, la palla sorvola di poco la traversa

33′ Cesselon mette a centro area un pericoloso traversone per Pazzi che commette fallo su un difensore giallorosso e l’arbitro fischia un calcio di punizione

39′ Galli in profondità in area di rigore, Gigli si avventa sul pallone ma Spitoni esce e lo anticipa

Cronaca secondo tempo

4′ Traversone di Cesselon sul secondo palo per Mangiola che impatta di testa ma la palla sorvola la traversa

7′ Cacciatore serve Mangiola che mette in mezzo, Patrizi chiude bene. L’azione prosegue e Marolda viene lanciato a rete ma Ercoli lo anticipa e salva un’azaione molto pericolosa

12′ Cacciatore dalla sinistra mette in mezzo un pericoloso rasoterra dove si avventa Pazzi che devia ma Verdicchio si fa trovare pronto e blocca sul primo palo

21′ Azione di rimessa della Recanatese, Gigli effettua un traversone dalla destra ma Spitoni sceglie bene il tempo ed anticipa Galli

29′ Palla invitante di Brugiapaglia per Di Iulio che colpisce di testa tutto solo ma la palla sorvola la traversa. Occasione nitida in favore dei padroni di casa

37′ Traini conquista palla e scocca il tiro dalla distanza, il pallone viene deviato in corner

40′ Lancio millimetrico di Scartozzi per Marolda che controlla di petto ma viene anticipato da un difensore ospite

44′ Calmorosa palla gol fallita da Marolda che tutto solo davanti a Spitoni si fa deviare la conclusione dallo stesso portere ospite. Pochi istanti dopo altra occasione limpida per la Recanatese con Traini il cui sinistro da ottima posizione viene respinto ancora da Spitoni

46′ Comotto trattenuto in area da un difensore ospite, l’arbitro fa proseguire.

Foto presa dalla pagina facebook Recanatese news

 

da US Recanatese

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!