MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Furti in enti pubblici, scuole ed uffici: un tunisino espulso

Le indagini erano in corso da molto tempo, si parla di decine di colpi effettuati

1.296 Letture
commenti
Polizia stradale

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Macerata avevano dei sospetti da tempo. Erano ormai molti mesi che uffici, scuole ed enti pubblici di Civitanova Marche venivano svaligiati pressoché con le stesse tecniche. Grazie ad una svolta avvenuta a Novembre 2016 le Forze dell’Ordine sono riuscite ad arrivare ai colpevoli.

I malviventi avevano compiuto un colpo all’Istituto Paolo Ricci di Civitanova e per mezzo di svariati pedinamenti e indagini, gli agenti sono risaliti ad una coppia composta da un tunisino clandestino, già conosciuto dalle Forze dell’Ordine essendo pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e stupefacenti, e la sua compagna italiana di 32 anni, entrambi domiciliati a Civitanova. Durante le perquisizioni nell’abitazione è stata trovata un’agenda contenete date, luoghi e conti inerenti ai precedenti colpi effettuati, insieme ad annotazioni in merito alle difficoltà e alle tecniche da portare avanti nei furti successivi.

Era anche specificata la pausa di furti grazie all’arresto dell’uomo nel settembre 2016 e poi liberato un mese dopo. Sono state stimate decine di colpi, tra cui in istituti scolastici di Civitanova Marche e Macerata, all’APM, all’Agenzia delle Entrate, istituti di riabilitazione e centri per l’occupazione. Grazie alla perquisizione finale non solo è stata recuperata una parte della refurtiva ma si è proceduto anche all’espulsione del tunisino, mentre la donna è stata denunciata in stata di libertà,

Nel frattempo altre indagini hanno condotto anche ad un 24enne di origini algerine che nel luglio 2016 aveva derubato una ragazza minorenne sempre a Civitanova Marche. Era circa mezzanotte, quando la ragazza stava rincasando ed era in bicicletta, il ragazzo l’ha scaraventata a terra e l’ha derubata.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!