MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Processo contro Innocent Oseghale, ascoltato a Macerata il collaboratore di giustizia

Secondo l'uomo il 30enne nigeriano gli avrebbe confessato le proprie responsabilità all'interno del carcere di Marino del Tronto

449 Letture
commenti
Tribunale

Nella giornata di mercoledì 6 marzo il processo a carico di Innocent Oseghale, unico imputato per l’omicidio di Pamela Mastropietro, ha visto la deposizione in aula del collaboratore di giustizia con cui il 30enne nigeriano si sarebbe confidato nel carcere di Marino del Tronto.

Secondo l’uomo, Oseghale gli avrebbe raccontato di aver accoltellato due volte la 18enne romana quando quest’ultima era ancora in vita. Dopo essersi incontrati ai giardini Diaz, infatti, i due si erano trasferiti nell’appartamento di via Spalato, dove poco dopo era giunto Lucky Awelima con la dose di eroina per la giovane:

Pamela, con la quale Oseghale avrebbe poi intrattenuto un rapporto sessuale, si sarebbe però sentita male subito dopo aver assunto la droga, per poi riprendersi e tentare di lasciare l’abitazione. Oseghale a quel punto l’avrebbe colpita con un primo fendente, seguito successivamente da un secondo poco prima dell’inizio dello smembramento del corpo della ragazza.

Tale versione, smentita tuttavia dal compagno di cella del nigeriano nel carcere ascolano, se confermata cambierebbe totalmente la posizione di Oseghale, che ha finora continuato a sostenere di aver agito da solo e di non essere responsabile per l’uccisione della giovane.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!