MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Omicidio di Pamela Mastropietro, il pentito torna sui propri passi e decide di non testimoniare

L'uomo, di origini siciliane, aveva sostenuto di essere venuto a conoscenza della confessione di Innocent Oseghale

1.037 Letture
Un commento
Pamela Mastropietro

Prima svolta nel processo in corso a carico di Innocent Oseghale, unico accusato per l’omicidio e lo smembramento del cadavere di Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa a Macerata il 30 gennaio 2018.

Il pentito di origini siciliane che avrebbe ascoltato la confessione del 30enne nigeriano nel carcere ascolano di Marino del Tronto è infatti tornato sui propri passi, decidendo di non testimoniare a meno che non venga di nuovo reinserito nel programma di protezione riservato ai collaboratori di giustizia.

L’uomo, che a suo dire in carcere avrebbe instaurato con Oseghale un rapporto di amicizia, sarebbe stato minacciato assieme ai propri familiari da parte di ignoti. La prossima udienza è intanto prevista per mercoledì 6 marzo.

Commenti
Solo un commento
daria 2019-02-23 04:53:58
In ogni caso, c'è da riconoscere che la Boldrini, quando dice che i clandestini africani portano cultura, ha ragione. Il nigeriano che ha ucciso Pamela, infatti, l'ha solo fatta a pezzi, ma non se l'e' mangiata. Un esempio di civilta'.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!