MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Terremoto: solidarietà dal Parco dei Sibillini

Piani di sviluppo e progettazione per tornare alla normalità nel rispetto dell'ambiente

I camosci tutelati nell'area del Parco nazionale dei monti Sibillini

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini sta impiegando tutte le sue risorse umane  e strumentali per velocizzare i tempi di ripresa post-sisma. Gli eventi sismici che hanno colpito il centro Italia a partire da agosto hanno creato innumerevoli danni non solo ai dipendenti del Parco, terremotati e sfollati, ma anche all’ente stesso.

Ma come hanno notato molti di coloro che hanno visitato le zone colpite, c’è voglia di ripartire subito, esattamente come stanno facendo i Sibillini. Il Parco si è reso disponibile con tutte le amministrazioni competenti coinvolte per la progettazione, per la risistemazione delle infrastrutture danneggiate e  per la collocazione delle strutture di emergenza.

Moltissimi gli incontri e i sopralluoghi effettuati durante questi mesi con le varie istituzioni, in modo da poter valutare congiuntamente le soluzioni che dovranno essere adottate. Tutto ciò, inoltre, dovrà essere fatto nel rispetto della sostenibilità ambientale e paesaggistica così da poter preservare le risorse naturali. Insomma, un piano rivolto alla tutela delle specie, della natura ma anche in favore del turismo e dell’economia locale, le quali sono state fortemente danneggiate dagli eventi sismici.

Carlo BifulcoIl Direttore dell’ente, Carlo Bifulco, ha detto: “Uno sforzo doveroso reso ancor più necessario dalla consapevolezza dell’importanza di fare sistema con tutto il tessuto produttivo e sociale del territorio dei Sibillini, cui il Parco intende continuare a dare il proprio contributo per garantire un futuro di sviluppo e sostenibilità”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!