MacerataNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Camerino, crolli e feriti in centro storico: il sindaco fa il punto della situazione

Circa 40 persone curate dal 118, ben 800 persone nei punti di accoglienza. Nessun danno all'ospedale, evacuato il carcere

1.728 Letture
commenti
Il crollo a Camerino del campanile di Santa Maria in Via. Altri crolli hanno interessato la chiesa di San Filippo e altri palazzi del centro storico

Non abbiamo notizia di dispersi o di persone rimaste sotto le macerie: ci sono circa 40 persone che sono ricorse alle cure dei sanitari, alcuni per ferite non particolarmente gravi e altri per malori dovuti allo shock. Non ci risultano, per fortuna, vittime e feriti gravi. Questo è quello che conta“. Questo ha dichiarato il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, in merito al terremoto di mercoledì 26 ottobre che ha provocato tanta paura, vari crolli e ingenti danni in tutta la provincia maceratese e in quella perugina.

Chiaramente la scossa delle 21,18 ha provocato ingenti ferite nella nostra cittadina“. Sin dai minuti immediatamente successivi alla scossa si è messa in moto la macchina dei soccorsi, nonostante il centro storico è rimasto accessibile dalla sola via Filzi, con gli altri accessi rimasti interdetti a causa dei crolli.

L’ospedale non ha subito danni, mentre la Casa circondariale è stata evacuata con i detenuti trasferiti a Rebibbia. Il palazzetto polivalente delle Calvie a Camerino usato come campo di prima accoglienza dopo il terremoto del 26 ottobre 2016Ad ora i danni più significativi si sono registrati proprio nel centro storico, in particolare con il crollo del campanile di Santa Maria in Via (FOTO in alto). Crolli hanno interessato anche la chiesa di San Filippo e altri palazzi del centro, ma in questa fase si tratta solo di prime stime, purtroppo destinate a crescere.

Sono stati allestiti due punti per l’accoglienza, uno presso il palazzetto polivalente delle Calvie (in FOTO a destra) e l’altro presso la sede di Contram Spa, in via Le Mosse, dove hanno trovato ospitalità circa 800 persone. Sempre presso la sede Contram è stato allestito il Centro Operativo Comunale fino al termine delle emergenze e ha attivato il numero 366.6582674 per tutte le eventuali segnalazioni da parte dei cittadini.

 

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!